Comune

Cenni storici

Panorama anni '50L'arroccamento delle case, le più antiche nella parte alta della collina, mostra come il paese si sia costituito durante il periodo medioevale, epoca in cui, oltre alle mura di cinta, furono realizzate quattro porte d'ingresso tipiche di quel periodo. Queste caratteristiche sono rilevabili anche dai toponimi delle strade nel centro storico come "Via Porta" che testimonia senz'altro l'esistenza di una cinta muraria, mentre "Via di Sotto", "Via di Mezzo" e "Via di Sopra", indicano proprio le successive fasi di sviluppo urbanistico dell'insediamento. All'epoca delle scorrerie Saracene, dopo l'800, gli abitanti di Belmonte costruirono due torri che diventarono base di difesa e di rifugio ai coloni della campagna.  Restano, invece, avvolte nell'oscurità le successive vicende storiche a partire dalla monarchia Angioina in poi. Nel periodo di massimo splendore, Belmonte poteva vantare, a livello politico - istituzionale, una sentita partecipazione alla vita politica del paese, ogni cittadino era parte attiva all'Assemblea consiliare e la giustizia si amministrava all'aperto. Memorie più recenti parlano di accanite lotte liberali e di brigantaggio nell'epoca Borbonica, preludio al Risorgimento Italiano. Preziosa fonte di queste memorie è il "Campanile" voluminosa opera storico-letteraria di Tommaso Lemme, illustre medico e scrittore nato a Belmonte del Sannio nel 1860 e morto a Mendoza nel 1920.  

 
© 2008 - 2018 -Sito web realizzato nell'ambito dei servizi erogati dal CST - ALI ComuniMolisani      Web site: www.alicomunimolisani.it - Progettazione e sviluppo web: Plaganet